Verstappen: "Al simulatore voglio continuare a lavorare in prima persona"

Verstappen: "Al simulatore voglio continuare a lavorare in prima persona"© Getty Images

Nonostante l'arrivo di Ricciardo, l'olandese non è disposto a rivedere i propri programmi al simulatore, perché è convinto che avendo ognuno il proprio stile di guida sia meglio per lui coninuare a cimentarsi in prima persona

Vivesse in un'altra epoca, probabilmente Max Verstappen sarebbe uno stakanovista dei test. Non ha mai nascosto la sua preferenza per le gare piuttosto che per le prove private, ma l'olandese sa benissimo che è anche da certi test che passano la crescita della vettura e del pilota. Motivo per cui, dopo essersi offerto alla Pirelli per lo sviluppo delle gomme da bagnato, preferisce portare avanti il lavoro al simulatore al suo solito, indipendentemente dall'arrivo di Daniel Ricciardo.

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 15,99 € 42,00

Abbonati ora

  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi