Pirelli, sogno italiano

27 luglio 2010

Per essere un buon fornitore di monogomma servono soprattutto tre cose: l’affidabilità del pneumatico, la sua adattabilità e l’uniformità di costruzione tra un pneumatico e l’altro. Il capitolo legato alla prestazione pura è il meno interessante e viene sviluppato per gradi. Fornire pneumatici al mondo bizzoso, imprevedibile ed esigente della Formula 1 non è una passeggiata di salute. Ci vogliono un’organizzazione perfetta, una logistica che non si presti a punti deboli, la massima collaborazione tra i tecnici e scambi d’ informazione continui con tutte le squadre, non solo con le elette o più importanti. Su questi nodi incede il mestiere del fornitore, sempre al centro delle polemiche se qu

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 15,99 € 42,00

Abbonati ora

  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi