Operano sotto lo stesso cielo, categorie diverse del motorsport. I provvedimenti assunti dai singoli Stati in materia di coronavirus e contenimento della diffusione impattano sulla Formula 1 come la Indycar, fino al mondo Endurance. Dal blocco dei voli verso gli USA, a rendere impossibile la trasferta a Sebring, per la 1.000 Miglia, al rinvio della 6 Ore di Spa-Francorchamps.

Sterzi a parte: Questa F1 deve farsi l'esame di coscienza

Cosa ne sarà della 24 Ore di Le Mans 2020? C’è una sorta di termine ultimo, fissato da Pierre Fillon, presidente di ACO – Automobile Club de l’Ouest, per capire se il posizionamento in calendario, il 13 giugno prossimo, potrà essere rispettato o si andrà verso una diversa data.

Classe LMDh, novità in arrivo

Sebring, poi, avrebbe dovuto rappresentare un secondo passaggio sull’integrazione regolamentare IMSA-ACO, nuovi particolari relativi alla Classe LMDh, attesissimi da molti diretti interessati: “Avevamo in programma la presentazione del progetto di fusione ACO-IMSA e i dettagli tecnici della LMDh, organizzeremo una conferenza stampa separata il prima possibile”, spiega Fillon.

24 Ore di Le Mans, edizione 2020 si farà

Poi, il passaggio più atteso, relativo alla 24 Ore di Le Mans; l’endurance motociclistica è stata rinviata al 5 e 6 settembre, dalle date iniziali del 18 e 19 aprile. Il fattore tempo potrebbe aiutare la 24 ore automobilistica, sebbene tutto sia legato ai provvedimenti che verranno assunti in Francia, nelle scorse ore ad adottare provvedimenti “simil-italiani” quanto a limitazione degli spostamenti.

“Abbiamo rinviato la 24 Ore di moto perché la data era incombente ed era meglio dare a squadre e spettatori un ampio avviso. La gara era in programma per aprile, tra poche settimane, e avevamo pochissimi dubbi su come la situazione si sarebbe evoluta. A seguito degli annunci del governo abbiamo cancellato o rinviato altri eventi programmati in marzo e aprile.

Per la 24 Ore di Le Mans (13 e 14 giugno; ndr) stiamo monitorando la situazione e seguendo le istruzioni dettate dalle autorità. Dovremmo annunciare la decisione il 15 aprile. Qualsiasi cosa accadrà, la 24 ore di Le Mans si svolgerà quest’anno”, chiarisce Fillon.

Un recupero, quindi, non è posto in discussione, sebbene siano da prendere in esame le sovrapposizioni con la Super Stagione 2020-2021, al via il prossimo settembre, stante uno scenario ordinario.

“Ci troviamo tutti in una situazione senza precedenti, la flessibilità è cruciale e stiamo operando in modo il più proattivo possibile, lavorando su diverse possibili ipotesi per ciascun evento”.

Brawn e il calendario dopo il coronavirus: GP estivi e su 2 giorni