1 di 11

Ferrari F40 Competizione, l'intramontabile

La versione elaborata della F40 nacque nel 1989, due anni dopo la presentazione del modello stradale, su richiesta del concessionario francese che desiderava farla partecipare alla 24 ore di Le Mans. Infatti i due primi esemplari (uno dei quali è stato battuto all’asta per 3,3 milioni dollari) ebbero la sigla F40 LM e avevano il motore potenziato, sospensioni modificate e dettagli particolari di aerodinamica. La vettura suscitò l’entusiasmo di altri clienti e la F40 da gara venne costruita in una decina di esemplari e siccome la definizione Le Mans era troppo restrittiva venne quindi deciso di chiamarla “competizione”. Per l’epoca era una vera bestia: il motore V8 venne portato da 480 a ben 700 cavalli di potenza e grazie al peso ridotto a soli 1040 kg la F40 Competizione poteva raggiungere i 367 km/h. Nelle immagini la F40 rossa guidata da Jacopo Sebastiana al GT 90 Revival del 2007 e la F40 blu pilotata da Ferte e Thevenin alla 24 Ore di Le Mans 1995. (foto sutton-images.com)