Il bottino della McLaren a Suzuka avrebbe potuto offrire ancor di più dell’ottimo quinto posto di Carlos Sainz. Lando Norris manca la zona punti, dopo una qualifica da quarta fila accanto al compagno di team e un avvio dalle buone premesse.

A condizionare la gara dell’inglese sono stati i detriti della paratia esterna dell’ala anteriore della Ferrari di Charles Leclerc, in frantumi sul rettilineo prima della curva 130R. 

Sull’episodio, la direzione gara ha sanzionato la Ferrari e Leclerc, per essere rimasto in pista con una monoposto danneggiata e creando un potenziale pericolo per gli altri piloti.

Al termine del GP, Andreas Seidl ha commentato l’accaduto, stigmatizzando il mancato rientro tempestivo di Leclerc. “Ovviamente siamo in profondo disaccordo con gli avversari che lasciano monoposto in pista con l’intera paratia dell’ala anteriore penzolante, mettendo tutti gli altri a rischio.

Leggi anche: Leclerc penalizzato in Giappone

Dopo l’esplosione della paratia di Leclerc, Lando sfortunatamente ha raccolto alcuni dei detriti nella presa del freno anteriore destro, questo ha fatto sì che dovessimo pittare presto e la sua gara era pressoché finita”, ha sottolineato Seidl.

SAINZ-ALBON PER IL PIAZZAMENTO 

McLaren che consolida, sebbene di un solo punto alla luce del doppio arrivo Renault tra i primi 10, la quarta posizione nel mondiale Costruttori. Il risultato di Carlos Sainz, poi, lo tiene in corsa per un campionato da chiudere al sesto posto, non solo migliore tra i piloti delle squadre di seconda fascia, ma anche meglio dei due Red Bull alternatisi sulla RB15, Gasly e Albon.

Leggi anche: Leclerc, GP Giappone: mea culpa con Verstappen

A quattro gare dal termine ha 12 punti di margine su Albon da gestire, una sfida possibile con una presenza costante nella top ten, da migliore del “centro gruppo”.

Sono molto felice dei risultati sia della qualifica che della gara. È stato soprattutto il secondo stint a risultare competitivo, con un buon passo gara e tenendo dietro Leclerc.

L’unico aspetto negativo è non avere Lando in zona punti per una situazione sfortunata, il team meritava assolutamente un altro doppio arrivo nella top ten in Giappone”, ha commentato Sainz.