Contro quel motore lì, c’è poco da fare. Il Max Verstappen-pensiero alla vigilia del Gran Premio del Messico è rivolto al vantaggio sul quale può contare la Ferrari, tale a dire di Max da rendere improbabile un recupero in curva. Così, ripetere le prestazioni degli ultimi due anni - due successi - spiega sarà complesso.

“Sarà sicuramente più difficile. Anche lo scorso anno, in gara, la Ferrari - soprattutto Seb - ha espresso un buon passo.

Penso che quest’anno siano più competitivi, quindi sarà più difficile, però credo potremo ottenere un buon risultato. E’ difficile dire se questa può essere l’opportunità migliore tra le gare restanti”.

SVILUPPI, È MANCATO LO STEP 2018

Al di là di un vantaggio costruito dalla Ferrari sulla power unit, l’analisi di Verstappen guarda anche in casa Red Bull, dove i miglioramenti non sono stati sufficientemente ampi da reggere il passo di Mercedes e Ferrari al ritorno in pista dopo il break estivo.

Leggi anche: Leclerc, non decido io lo status 2020

Abbiamo introdotto degli aggiornamenti, come hanno fatto anche altri, ma non abbiamo compiuto i progressi nelle prestazioni come avvenuto lo scorso anno rispetto a quanto fecero loro.

QUALIFICA OFF-LIMITS

La Ferrari ha guadagnato nell’arco della stagione sempre più potenza ed è molto difficile batterli, quasi impossibile farlo in qualifica anche con una macchina mezzo secondo più veloce. Si vede con la Mercedes, certamente hanno la monoposto migliore ma in qualifica ultimamente mancano”.

GP Messico F1, il circuito: vario, veloce e "alto"

Dove Red Bull, in Messico, ha segnato la differenza nella prestazione in curva nelle ultime stagioni, trovando maggiore aderenza di altri sull’asfalto cel tracciato Hermanos Rodriguez, andrà verificato quanto il progetto 2019 sarà in grado di fare la differenza.

HONDA OK AFFIDABILITÀ

Quanto alla potenza del motore, Verstappen spiega i rapporti di forza e la posizione Honda: “Da pilota ovviamente vuoi avere sempre più potenza, è naturale. Finora abbiamo ottenuto buoni guadagni se ci paragoniamo a Mercedes e, ovviamente, Renault.

GP Messico, gli orari del week end

Sembriamo molto competitivi, solo la Ferrari svetta un po’. Ecco, in realtà decisamente un bel po’. In generale abbiamo fatto buoni progressi sull’affidabilità, siamo stati molto forti, mai un problema in gara e questo è molto positivo”.