Gran festa per un duplice arrivo a punti e in posizioni alte? Anche. Il “ma”, dalla prospettiva di Kimi Raikkonen, è su quanto potenzialmente era in gioco a Interlagos ed è sfuggito. Il podio e una McLaren sfidata in pista senza il risultato sperato.

Sono accadute molte cose nel finale e sono un po’ deluso. Credo avessimo la velocità ma con l’ultimo set di gomme, morbide, ho sofferto un po’ troppo sottosterzo, soprattutto nel tentativo di seguire la McLaren.

Sterzi a parte: Ha torto Vettel e ora Binotto deve far capire a entrambi chi comanda

Non sono riuscito a superarla alla ripartenza, per due volte ho trovato la porta chiusa. Comunque andiamo perlomeno a punti con due macchine ed è un finale di week end molto più positivo”, racconta Kimi.

Positivo perché segna il ritorno in zona punti dopo un’assenza che per Raikkonen si prolungava dal Gran Premio d’Ungheria, nonché per la competitività espressa in qualifica e l’accesso in Q3.

Leggi anche: Sainz, gara all'assalto e podio 'privato'

“E’ stata una giornata positiva e finalmente siamo riusciti a centrare il risultato per il quale abbiamo lavorato tanto. Abbiamo corso sulle nostre per gran parte della gara, alla fine eravamo nel centro dell’azione”.

Un week end in luce per Alfa Romeo dopo i passaggi difficili sofferti al rientro dopo la pausa estiva, fatti di assenza di risultati soprattutto in gara, tra mancanza di competitività ed errori dei piloti. Al miglior piazzamento stagionale del team si lega il migliore personale di Antonio Giovinazzi, bravo a correre sul passo di Raikkonen e portare a casa la quinta posizione.

E’ fantastico, penso sia il miglior modo di festeggiare il rinnovo di contratto per l’anno prossimo. Sono davvero contento della gara, della partenza e della ripartenza dopo la safety car, felicissimo del risultato”.