Intorno al rientrante Gran Premio d’Olanda si sono sommate valutazioni e voci di ogni tipo negli ultimi mesi, spesso anche di segno opposto. Dal disinteresse verso una gara a porte chiuse al possibile “sforzo” se F1 Group avesse chiesto un tale scenario. Fino alla romantico-popolare intenzione di rimettere alla scelta dei tifosi se accettare o meno un debutto della gara nel 2020 ma sbarrata al pubblico.

Saillant: 'Così riparte la F1. Non avrei cancellato il GP d'Australia'

La vicenda è molto più prosaicamente legata ai soldi che F1 Group dovrebbe pagare a Zandvoort per “aprire” il circuito e renderlo operativo in un eventuale week end di gara, giacché il promoter non è intenzionato a sborsare un euro. E, in aggiunta, non è disponibile a un GP nel mese di agosto. 

Spese tutte a carico della F1

Da Jan Lammers sono emerse nelle ultime settimane i diversi “sentimenti” olandesi, dove prima che la pandemia di coronavirus stravolgesse tutti i piani, la vendita dei biglietti procedeva su un tutto esaurito che dovrà rinviarsi di un anno.

A Zandvoort non solo scandiscono con toni chiari come ogni voce di spesa di un eventuale Gran Premio andrà pagata da F1 Group – peraltro, il finanziamento “al contrario”, verso i promoters dei GP, sarà la regola della stagione 2020, al netto di rare eccezioni asiatiche e mediorientali – ma guardano alle proposte avanzate da circuiti assenti dal giro della F1.

L'editoriale del direttore: Montezemolo, un nome, un'emozione

“Per farla facile, il GP a noi non dovrebbe costare nulla. Quindi, se la FOM e Liberty vogliono correre una gara a Zandvoort senza pubblico, dovranno pagare tutti i costi operativi e si tratta di somme di denaro importanti”, ha spiegato a motorsport.com.

Un aiuto da far valere

“Ciò che stiamo chiedendo e di cui abbiamo bisogno per svolgere un GP a porte chiuse a Zandvoort è comparabile a Hockenheim, ad esempio.

Probabilmente offriranno di ospitare una gara gratuitamente o a prezzo di costo, lo stesso vale per Imola e altri circuiti. Però, non appena si correrà una gara in questi posti, le piste proveranno a restare in calendario. Diranno, vi abbiamo aiutato durante la crisi del coronavirus, e proveranno a utilizzare questa cosa in termini commerciali”.

Verstappen: Red Bull, subito competitivi alla ripartenza