La lotta al razzismo è una lotta che coinvolge tutti, e dopo l'appello di Hamilton, tutto il mondo della Formula 1 sulla spinta di Lewis ha raccolto il testimone per la battaglia a favore dell'uguaglianza. Ad esprimere apprezzamento per le parole dell'inglese anche Ross Brawn, che ha parlato di razzismo a Sky Sports.

Wolff si tiene stretto Hamilton

Lewis ha ragione

Totale supporto all'inglese da parte della Formula 1: "Lewis è un grande ambasciatore per il nostro sport, penso che i suoi commenti siano intelligenti e lo supportiamo completamente. Ciò che è accaduto è orribile, e succede troppo spesso. Avete visto tutti qual è stata la reazione pubblica, lo sosteniamo completamente. Penso sia positivo che Lewis come superstar dello sport sia quello in prima linea in uno sport che è molto dominato dai maschi bianchi. Ognuno di noi può fare la differenza".

Ricciardo contrario alla griglia invertita

Progetto F1 in Schools

Sono state queste le parole di Ross Brawn, che ha colto l'occasione per sottolineare l'impegno della F.1 nella sua globalizzazione: "Noi come F.1 vogliamo rafforzare il programma sulle nostre diversità, sia internamente come società che esternamente, vi abbiamo cominciato a lavorare qualche anno fa. Siamo coinvolti con la 'F.1 in Schools', è un progetto che abbiamo sempre supportato ma che è stato intensificato negli ultimi due anni, ed è una cosa molto eterogenea in fatto di ragazzini coinvolti. Il 40% dei bambini interessati sono femmine, ed è un buon inizio. E' una competizione internazionale, ed abbiamo competitors da ogni parte. Guardiamo fortemente a come possiamo sostenere il mondo delle corse a partire dalle basi".

Mercedes in pista a Silverstone