Chi l'avrebbe mai detto che questa McLaren si sarebbe rivelata la sorpresa della stagione di Formula 1 2020. Eppure prima Lando Norris e adesso Carlos Sainz Jr sono riusciti in questi due primi Gp in Austria a blindare almeno in qualifica per due volte di seguito il terzo tempo in qualifica. Così domani per il Gp della Stiria lo spagnolo, futuro ferrarista, partirà dalla seconda fila sulla griglia di partenza, davanti alla Mercedes di Bottas e spera di bissare o migliorare magari il terzo scalino sul podio di Lando della scorsa settimana.

“Sono davvero molto contento, due weekend consecutivi molto buoni, è il mio primo terzo posto in qualifica in carriera. Questa è stata una delle qualifiche più difficili che io abbia mai fatto come pilota di Formula 1", ha commentato così Sainz le qualifiche sotto il diluvio di oggi.

Milgior qualifica, peggiori condizioni

“E' bello centrare la mia miglior qualifica nelle peggiori condizioni possibiliha aggiunto Carlos – è stato veramente stressante, una sessione lunghissima conclusa con una Q3 all’insegna dell’acquaplaning. Abbiamo spinto praticamente alla cieca, senza vedere nulla davanti né dietro, senza sapere se saremmo stati di intralcio a qualcuno o se ne avremmo trovato noi a nostra volta”.

“Alla fine sono riuscito a mettere insieme un giro molto buono malgrado tantissimo acquaplaning, era davvero difficile tenere giù il piede senza scivolare in rettilineo. E’ un qualcosa che a me piace molto però era davvero molto difficile, ho parlato anche con Lewis che era molto emozionato per le qualifiche che abbiamo fatto”.

“La MCL35 in configurazione gara sembrava migliore rispetto ai test di Barcellona, eravamo molto contenti però vediamo domani visto che siamo andati oltre ogni aspettativa. Ieri il passo delle Ferrari e delle Racing Point sembravano buoni, ci sarà da lottare per confermarsi sull'asciutto perché dietro di noi ci saranno Albon e Bottas. Saranno difficili i primi giri ma spero di poter mantenere un buon passo visto che quello delle Fp2 non era male”.

Leclerc qualifica da incubo: penalizzato di tre posizioni, partirà 14°