Fine settimana da incorniciare per Lewis Hamilton, che dopo una strepitosa pole sul bagnato fa suo il Gp di Stiria, per la prima vittoria stagionale. Un successo mai in discussione, con Bottas e Verstappen alle sue spalle ma senza mai rappresentare una vera minaccia per l'inglese. Harakiri Ferrari: contatto tra Leclerc e Vettel al primo giro e Rosse subito ko.

Rivivi la gara giro per giro

La partenza: Ferrari, che disastro!

Allo spegnimento dei semafori Hamilton tiene la prima posizione, mentre Max Verstappen deve guardarsi dall'attacco di Sainz. Non ottimo lo spunto di Vettel, unico dei primi dieci a scattare con gomma media, con il tedesco che perde subito qualche posizione. Subito aggressivo invece Leclerc, che in curva 3 azzarda l'interno della curva al fianco del compagno di squadra, che però sta già impostando la curva: la Ferrari numero 16 "decolla" sul posteriore della numer 5, che ne esce con l'ala posteriore distrutta. Safety car in pista, con le Rosse che tornano ai box: per Vettel è il ritiro, Charles prova ad effettuare un pit-stop ma poco dopo deve fermarsi anche lui per colpa del fondo troppo danneggiato.

Incidente Ferrari: la versione di Seb

Hamilton domina

Davanti la gara è lineare, con Lewis che fa il ritmo mentre Verstappen prova in tutti i modi a stare in scia, anche se è evidente che la W11 dell'inglese ha una marcia in più. Mentre Bottas ed Albon si sbarazzano di Sainz, dalle retrovie risalgono bene le Racing Point di Stroll e Perez, mentre un buon Ocon deve ritirarsi dopo aver battagliato con la vettura gemella di Ricciardo. Al giro 24 Verstappen tenta l'undercut montando la media, ma la Mercedes risponde due giri più tardi ed Hamilton resta davanti. Overcut invece per Bottas, che si ferma dopo 34 passaggi (media anche per lui) mettendosi alla caccia di Verstappen. 

Incidente Ferrari: la versione di Charles

Tanti duelli negli ultimi giri

La corsa si ravviva molto nelle ultime tornate, quando Bottas riprende Verstappen (che lamenta un piccolo danno all'ala anteriore) per poi passarlo e completare la doppietta Mercedes, con l'olandese ai box nel finale per il giro veloce. Per la quarta posizione Perez va all'attacco di Albon, rimediando la rottura dell'ala anteriore, mentre dietro di lui gran bagarre tra Norris, Stroll e Ricciardo: la spunta l'inglese, che dopo aver passato gli altri due si mette alla caccia del messicano, che senza ala si fa passare proprio in prossimità dell'ultima curva. Vince dunque Hamilton su Bottas e Verstappen, 4° posto per Albon, gran quinta posizione in rimonta per Norris che precede Perez, Stroll, Ricciardo, Sainz (molto sfortunato lo spagnolo, rallentato da un problema al pit-stop) e Kvyat, che chiude la top ten. Per la prima volta dopo 86 Gp, non c'è neanche un motorizzato Ferrari in zona punti.

Harakiri Ferrari. FOTO