L'ultima volta che la F1 ha corso ad Imola, Lando Norris non aveva ancora compiuto 7 anni. Ed era comunque un ragazzino quando il Circus tocco per l'ultima volta il tracciato del Nurburgring. Piste, insieme al Mugello, affrontate però con le categorie propedeutiche, ed abbastanza per permettere a Lando di definirle "magnifiche".

Torna Imola, ecco il Gp dell'Emilia Romagna

I ricordi da bambino

A RaceFans, il pilota della McLaren ha parlato delle piste alle quali la F1 ha dato il bentornato, come nel caso di Imola ed il Nurburgring, oppure il benvenuto, come nel caso del Mugello: "Quello del Nurburgring è un tracciato che amo. Ricordo di quando guardavo la F1 nel 2007, o forse anche un po' dopo. E' un circuito fantastico sul quale mi sono divertito a guidare in diverse categorie". Norris ha parlato poi di Imola: "Imola l'ho affrontata con la Formula 4 Italiana, è una delle più famose ed anche in questo caso mi ricordo di quando guardavo la F1".

Condizioni instabili, Zanardi trasferito al San Raffaele

Mugello, sfida fisica

Lando ricorda molto bene anche il Mugello: "Al Mugello ho corso nella Formula 4 Italiana nel 2015. E' molto bello. E' molto veloce con curve di media ed alta velocità, con chicane non troppo strette. Penso sarà una pista tipo l'Austria per certi versi, senza grandi punti di frenata. Spingerà fisicamente al limite i piloti e spingerà al limite anche la F1 nei termini di quanto una F1 possa andare veloce su curve del genere, anche se forse non è la miglior cosa per i duelli". Effettivamente, il Mugello offre pochi punti di sorpasso per una Formula 1: "Non so se vedremo qualche sorpasso tra la prima e l'ultima curva. Penso sarà tipo l'Ungheria. Ma allo stesso tempo è un circuito magnifico e penso che la qualifica sarà incredibile".

McLaren, torna lo sponsor Gulf

Il bello dell'imprevedibilita'

Norris ha poi concluso: "Non vedo l'ora di guidare su questi circuiti. [...] Penso che qualunque pista nuova, o comunque una pista che manca da tempo oppure che è nuova per la categoria sia eccitante. E' qualcosa di diverso dal normale, tutti vanno li senza sapere cosa fare in termini di set-up e mette in una condizione di leggera vulnerabilita' ogni squadra. E' piu' di una sfida e penso che sia molto stimolante''.

Obbiettivo porte aperte per il Mugello