Lo abbiamo addirittura beccato con le mani letteralmente nella SF1000. Un meccanico improvvisato pur di sistemare la sua monoposto e tornare in pista seppur per soli 30 minuti. Purtroppo però il tentativo di Sebastian Vettel di tornare a girare a Silverstone per i classici 180' non è anadata a buon fine. E' un venerdì di prove libere del Gp di Gran Bretagna da dimenticare per il tedesco che è stato costretto a fermarsi ai box in mattinata durante le Fp1 per un problema all'intercooler viste le alte temperature meteo, e poi nell Fp2 del pomeriggio ha dovuto penare coi freni.

Gp Gran Bretagna, Leclerc: "Vettel merita di restare in F1. Oggi male"

“È stata una giornata disastrosa, incompiuta in cui ho messo insieme veramente pochi giri. Prima a causa dell’intercooler, e poi per problemi al pedalo del freno - ha detto Vettel al termine delle Fp2 -. È stato un peccato perdere per intero la sessione del mattino. Ma pure nel pomeriggio abbiamo avuto un problema con il pedale del freno che ci è costato del tempo e non mi ha permesso di prendere il ritmo in pista. Dobbiamo cercare di migliorare la macchina, vedremo dove saremo domani. Oggi per me è stato molto difficile”.

"Tutto sommato, anche se non abbiamo potuto percorrere molti giri, non è stata una giornata da buttare perché abbiamo acquisito informazioni utili che ci aiuteranno a mettere a punto la vettura. Domani pomeriggio vedremo dove saremo in classifica. La pista dovrebbe essere più fresca in termini di temperature e anche per noi potrebbe essere meglio". Dopo l'analisi di giornata Seb si complimenta anche con Hulkenberg per il suo ritorno rocambolesco in F1: "Ci sono stati anni in cui eravamo in sei o sette piloti tedeschi al via in F1, sono contento che sia tornato Nico così non sono più da solo. Auguro ovviamente a Perez di tornare presto in pista, siamo tutti contenti che non si senta male”.