Al Motomondiale sul circuito di Misano potranno entrare 10.000 persone e sulla scia di questa deroga concessa dalla Regione Emilia Romagna, l’autodromo del Mugello ha chiesto di far accedere un numero limitato di spettatori durante il Gran Premio di Toscana di F1.

La decisione è in mano alla Regione Toscana, che scioglierà ogni dubbio nel giro di poche ore. Alla Regione è stata chiesta un’ordinanza di deroga anche di soli 1.000 spettatori, per far sì che almeno un numero contingentato di appassionati possa gustarsi dal vivo lo spettacolo del mondiale di F1 sul circuito toscano.

Un evento leggendario, perché è la prima volta che il tracciato di Scarperia ospita il massimo campionato di automobilismo al mondo, ma anche perché è il Gran Premio numero 1000 per Ferrari.

GP Italia, trofeo speciale ACI tra le gare di Monza (fino al 2025), Mugello e Imola

Si attende il sì per 6.000 spettatori

I rumors parlano di una deroga al “porte chiuse” di 6.000 persone al giorno, per le prove e la gara. Insieme alla richiesta di deroga, infatti, il circuito del Mugello ha depositato anche delle linee guida di logistica, per dimostrare come l’ingresso di un numero limitato di spettatori non entrerebbe in conflitto con le norme di distanziamento.

L’autodromo del Mugello ha previsto una serie di accorgimenti per evitare assembramenti e contatti: parcheggi dedicati interni, ingressi solo in auto e in moto escludendo accessi pedonali, per evitare le code, accesso esclusivamente alle tribune, con settori isolati, ingressi diversificati e sedute distanziate. Per ogni tribuna sono state previste meno di 1.000 persone.

Si è pensato anche alla gestione del traffico, con blocchi a raggiera per evitare il concentrarsi degli appassionati.

E’ previsto anche un evento-spettacolo della Ferrari prima dello start, con una speciale scenografia per festeggiare in modo indimenticabile il suo Gran Premio numero 1.000. E chissà che il pubblico – sia pure in forma ridotta – non faccia parte di questa scenografia.

GP Belgio, Leclerc: Spa sarà diversa da un anno fa