Quinto tempo nella seconda sessione di prove libere del Gp di Russia. A Sochi la McLaren si conferma molto competitiva con Norris che segue il quarto tempo del compagno di scuderia e futuro ferrarista Sainz. E' stato un venerdì ricco di novità per il pilota inglese e per il team di Woking che in mattinata ha anche provato il nuovo muso più stretto della sua MCL35. 

Piccoli test che però come ha ammesso Lando, vanno preservati e utilizzati con il contagoccie perché se è vero che ci vogliono giorni e giorni di studi per rendere una monoposto più performante, basta un attimo per mandare tutto all'aria. E perdere anche solo qualche millesimo nella lotta per la pole position di domani potrebbe costare troppo caro a quella che oggi si è dimostrata la terza forza del Mondiale 2020, chiudendo alle spalle delle Mercedes di Bottas (primo nelle FP2 a 1:33.519) e Hamilton, e la Renault di Ricciardo.

"Abbiamo testato diverse cose e dobbiamo capire se c'è un grosso miglioramento oppure no, ancora non ne siamo sicuri. Abbiamo fatto un po' di test aerodinamici e ora i ragazzi dovranno discutere per poi prepararci nel modo migliore per domani in qualifica. Se ci sarà un miglioramento con il muso nuovo? Allora dobbiamo fare in modo che non si rompa per poi utilizzarlo domani: ecco perché non lo usato nelle FP2 perché magari poteva capitare che facessi qualcosa di stupido o un incidente e volevo usarlo al sabato. Lo vedremo domani".

GP Russia, Norris: "Racing Point più veloce ma ha sbagliato di più"