L'ultima gara del Mondiale 2020 di Formula 1 non sarà una passeggiata per Charles Leclerc. Cara, carissima è costata l'aggressività al via del GP di Sakhir al monegasco della Ferrari che ha commesso l'errore, molto simile a quello già visto in Austria nel GP della Stiria e che ha portato poi al suicidio di entrambe le SF1000, di infilarsi ad ogni costo nello spazietto intravisto tra le Mercedes, finendo poi per travolgere Perez in cruva 4. Tutta colpa sua se poi Verstappen si è visto tagliare la strada dalla Racing Point ed è inevitabilmente andato a muro.

La situazione già complicata della Ferrari, oggi in pista solo con Vettel che ha poi chiuso 12°, si complica ancora di più nel round finale di questa stagione ricca di amarezza.

GP Sakhir, Verstappen ritirato e arrabbiato: "Leclerc ha esagerato"

Bloccaggio e frenata

E la decisione non poteva che essere questa: penalizzare il pilota della Ferrari, colpevole di aver frenato troppo tardi, andando poi in bloccaggio. Tre posizioni in griglia ad Abu Dhabi e due punti in meno dalla sua patente: questo il verdetto degli stewards Fia Mika Salo, Garry Connelly, Loic Bacquelaine e Mazen Al Hilli, dopo aver sentito a fine gara Leclerc.

"Gli Stewards, sentito il pilota Charles Leclerc e i rappresentanti dei team, hanno rivisto l’incidente da più angolazioni - si legge nella nota Fia-. La macchina numero 16 di Leclerc ha frenato troppo tardi in curva 4, bloccando l’anteriore destra e urtando la vettura numero 11 di Sergio Perez che stava seguendo la sua traiettoria normale in curva“.

GP Sakhir, Russell: "Felice, orgoglioso e incredibilmente deluso"