A quanto pare, il Monaco F1 Racing Team è più di una suggestione. Il mondo della Formula 1 potrebbe ben presto dare il benvenuto ad una squadra monegasca, la quale sembra intenzionata, con l'ultimo comunicato a nome di Salvatore Gandolfo, fondatore e CEO di Monaco Increase Management, a fare maledettamente sul serio.

F1 2020, i dati dell'audience: calano gli ascolti in tv, impennata sulle piattaforme digitali

Una mossa per attirare nuovi team

L'idea del gruppo del Principato sembra farsi più concreta dal momento che Stefano Domenicali sta discutendo l'ipotesi di togliere, o quanto meno abbassare, la "tassa" di iscrizione per un nuovo team che oggi si attesta sui 200 milioni di dollari. Una cifra importante, che se venisse tolta farebbe da incentivo per chi vuole tuffarsi nel mondo dei Gran Premi.

Domenicali, la F1 discute la gara sprint del sabato nel 2021

Discussioni dal 2019

Nel comunicato diffuso dalla MIM, sono queste le parole di Salvatore Gandolfo: "L'attuale progetto Monaco F1 Racing Team è stato il primo, già nel 2019, a intavolare discussioni concrete con la governance della F1 per una entry, intuendo il potenziale delle nuove regole tecniche previste per il 2021 (e poi rimandate a causa della pandemia) e a strutturarsi di conseguenza. Le recenti dichiarazioni del nuovo CEO Stefano Domenicali, che aprono alla possibilità di revocare la quota di ingresso di 200 milioni, sono, a nostro avviso, un passo avanti nella giusta direzione. Apprezziamo l’atteggiamento di apertura di Stefano e della FIA e siamo pronti a fare i passi necessari per ufficializzare la nostra richiesta di partecipazione".

Sterzi a parte: E' tempo di accettare la transizione Rossa