Rinascere in Alpine con lo stesso entusiasmo di una stagione conclusa in Renault. Sebastian Ocon è pronto per una nuov avventura sempre sotto il segno della bandiera della sua Francia. Il Mondiale F1 2021 sarà un nuovo capitolo tutto da scrivere per la carriera del pilota transalpino con una nuova monoposto, la A52 presentata oggi, e un nuovo compagno di squadra, Fernando Alonso. Gli stimoli non mancano al fianco dello spagnolo due volte iridato proprio con la Renault.

"Il 2020 è stata un intensa stagione, ora sono molto affamato per ottenere successi in questo campionato - ha detto Ocon -. Questa macchina mi rende orgoglioso di essere francese, è bellissima. Non vedo l’ora di guidarla. Sono entusiasta di questo progetto, che ha la passione e il cuore dei francesi e degli inglesi. Per me, che sono francese ma ho lavorato a lungo con team di oltremanica, è un mix perfetto. Sono orgoglioso di far parte di un marchio francese e sono onorato del supporto del team: vogliamo ottenere buone performance e alzare le nostre ambizioni. Sono realmente entusiasta di rappresentare Alpine in Formula 1 e convinto del progetto".

Budkowski: la A521 tra sfide tecniche e logistiche

Obiettivo Q3 e passo gara competitivo

Ocon è stato uno dei protagonisti dell'evento virtuale, al contrario di Alonso ancora assente per via del terribile incidente in bicicletta: "La Renault è migliorata moltissimo l’anno scorso e ora c’è questo team ambizioso. Penso sia meraviglioso e incoraggiante vedere, anche in ottica 2021, i cambiamenti all’interno della squadra sul lato tecnico e quello meccanico. Inoltre osservare una livrea con colori rinnovati è sempre esaltante. La cosa più importante da fare è posizionarci nel migliore dei modi quest'anno in vista del 2022, che sarà la più grande opportunità per noi. Non vedo l'ora di cominciare".

Con questa nuova A521 si può fare molto di più in qualifica e gara: “Per quanto riguarda la stagione 2021, la macchina è un’evoluzione di quella dell’anno scorso, quindi questo dovrebbe essere positivo per noi. Mi aspetto che la macchina vada in Q3, di avere un bel ritmo. È vero, l’anno scorso abbiamo raccolto anche qualche risultato poco soddisfacente, credo che in questa stagione le nostre prestazioni saranno più lineari su tutti i tipi di circuiti, visto che questa vettura è stata costruita su una buona base come quella della R.S.20. Ho già esordito come pilota Alpine nel Rally di Monte-Carlo, che è stato un gran bel modo di iniziare la stagione. Penso che abbiamo davanti a noi una grandissima stagione“.

Rossi: "Vogliamo portare il nome Alpine sul gradino più alto"