Vittoria in Bahrain, 2° posto ad Imola dopo un errore e successiva rimonta. Il 2021 di Lewis Hamilton è cominciato così, e la sensazione è che possa battagliare a lungo con Max Verstappen. Compreso in questo GP del Portogallo, al quale l'inglese si presenta con la consapevolezza che l'olandese e la Red Bull saranno nuovamente molto forti.

Leclerc: "Bello vedere il lavoro rispecchiarsi nei risultati"

100 pole alla portata

In questo fine settimana Hamilton potrebbe raggiungere l'incredibile traguardo delle 100 pole position in carriera: "Non ne abbiamo parlato, me lo hanno appena ricordato. Non ho idea di cosa aspettarmi per questo fine settimana, se il tracciato sarà simile oppure diverso rispetto allo scorso anno, con condizioni difficili, anche se il meteo sembra migliore. La Red Bull sarà forte, lo sono sempre su circuiti così, noi stiamo comprendendo alcune cose in più sulla vettura. Loro al momento sono i migliori, hanno un gran telaio ed un gran motore, sono i favoriti, noi abbiamo del lavoro da fare".

Regolamento sportivo, novità per i test di Abu Dhabi 


Test con le Pirelli da 18 pollici un indizio sul futuro?

Dopo il GP dell'Emilia Romagna l'inglese è rimasto ad Imola per provare le Pirelli da 18 pollici: "Penso di essermi offerto volontariamente per un test per la prima volta in vita mia. Volevo scoprire in che direzione andremo con i pneumatici del 2022, per la nuova generazione di vetture noi piloti vogliamo gomme con cui poter attaccare più duramente senza che si deteriorino come oggi. La prima impressione che ho avuto dei nuovi pneumatici è stata buona. Perché il test? Ho intenzione di correre qui anche l’anno prossimo, quindi vorrei aiutare Pirelli a fare un prodotto migliore. Ma con questo non ho detto che ci sarò di sicuro, sono spostaneo e tutto può sempre cambiare".

Vettel: "Ho bisogno di un fine settimana pulito"

Sì alla Sprint Race

Sull'idea della Sprint Race, Lewis ha detto: "Non ho ancora esaminato il format in dettaglio, ma dico da anni dico che dovremmo fare esperimenti con il programma del fine settimana, almeno su alcune piste. Monaco, ad esempio, è un ambiente fantastico, non c'è dubbio, ma le gare possono diventare una sorta di processione perché i sorpassi sono molto difficili. Ho sempre sostenuto i cambiamenti, e se una qualificazione con gara sprint mescola un po' le carte, allora mi piace".

Anche Sainz a favore della Sprint Race: "A noi piloti piace gareggiare"