Tsunoda da "titoli di giornale", quello dell'esordio in Bahrain. Una pista relativamente "semplice", ben conosciuta perché affrontata in GP2, avvicinata in Formula 1 con i test. Anche questo dietro le ottime prestazioni del giapponese di AlphaTauri a Sakhir. I complimenti di Ross Brawn e la, legittima, attesa della conferma.

Ma resta pur sempre un rookie, debuttante chiamato a farsi le ossa, come Mazepin e Schumacher. Tutti hanno all'attivo gravi errori nelle prime gare. E Yuki Tsunoda ammette di aver peccato di un eccesso di ambizioni, caricato dal risultato dell'esordio.

Helmut Marko ha già iniziato a scandire gli "avvisi", che non saranno senza scadenza per uno Tsunoda dal temperamento in macchina più simile ai tratti latini che non alla contemplazione zen. 

Ala flessibile, Marko: A Baku non cambiamo

Aspettative "deluse"

"A esser sincero, sì ho posizionato le aspettative troppo in alto. Soprattutto dopo essere andato davvero, davvero bene in Bahrain, pur facendo degli errori e uscendo in Q2. Comunque era andata bene e avevo ottenuto un punto alla prima gara. Da lì credo di aver puntato decisamente in alto con le mie aspettative future. In particolare a Imola, la gara seguente. Ambivo alla top-5 o un risultato simile, penso che questo voglia decisamente dire puntare troppo in alto", racconta Tsunoda a Beyond The Grid.

Imola, altra pista ben nota per aver esordito con un test nell'autunno 2020 con AlphaTauri, sembrava poter essere la tappa ideale per confermarsi su alti livelli. La AT02 competitiva ma il gravissimo errore in Q1, con il muro preso alla Variante Alta, è stata una sveglia brusca per Tsunoda

Qualifica affrontata male

"In qualifica ho provato a mettere insieme un giro incredibile, da sogno. In Q1 specialmente non devi fare quel genere di cose. Motivazioni e adrenalina erano quelle e sono finito contro il muro. Penso, quindi, che a inizio anno mi sia aspettato davvero molto e puntato troppo in alto". Nulla da segnalare di positivo dal nono posto nel GP del Bahrain: 12° a Imola, 15° a Portimao, ritirato a Barcellona e 16° a Monaco. Risultati da rookie, chiamato a migliorare e sfruttare un potenziale AlphaTauri da zona punti, regolarmente centrata da Gasly tra Imola e Montecarlo.