C'è una Ferrari passata davanti nel Costruttori alla quale la McLaren vuole subito rispondere, in quella che sarà una lunga sfida per la terza piazza nel campionato riservato alle squadre. Il Paul Ricard è una pista diversa rispetto a Monaco e Baku, motivo per cui il team di Woking spera di riprendersi il ruolo di terza forza nel GP Francia.

Verstappen non si fida ed attende il ritorno delle Mercedes


Norris e gli insegnamenti di Baku

Punito per non aver rispettato la bandiera rossa in qualifica ma bravissimo a rimontare in gara, Lando Norris guarda con fiducia alla tappa francese, la prima di una serie di tre gare consecutive: "Ripensando a Baku, abbiamo fatto una bella rimonta per conquistare dei punti importanti per il Campionato Costruttori. Allo stesso tempo, c'è stato molto da imparare nell'ultimo fine settimana che può esserci utile per il trittico in arrivo. Tre gare consecutive possono essere intense, ma tutti in pista e in fabbrica sono pronti e stanno continuando a dare tutto per metterci nelle migliori condizioni per lottare per i punti. Dobbiamo continuare a spingere come squadra per ottenere il massimo dalla macchina in modo da rimanere nel pieno di questa battaglia serrata con i nostri concorrenti. Passare da una serie di circuiti cittadini a circuiti più tradizionali con Francia e Austria sarà una sfida entusiasmante. È fantastico tornare al Paul Ricard per il Gran Premio di Francia dopo tutto quello che è successo nell'ultimo anno. È una pista divertente e veloce con un bel mix di curve, con l'opportunità di vedere una bella gara".

Marko: "Russell mossa logica per Mercedes, a Bottas resta solo la Williams"


Ricciardo in cerca di fiducia

Daniel Ricciardo sta vivendo un momento complicato, ed ancora non è riuscito a trovare la massima confidenza con la MCL35M. Se da una parte tre GP di fila possono essere difficili per chi ancora non è al 100%, dall'altra lo stare in macchina con continuità può essere certamente una bella opportunità per aumentare il feeling: "Andiamo in Francia questa settimana per iniziare la prima tripletta della stagione e non vedo l'ora di iniziare. Tre gare consecutive possono essere viste come una sfida, ma sono anche una grande opportunità per passare del tempo in macchina e proseguire sulla linea dei progressi che abbiamo fatto finora. Percorrere più miglia consecutivamente nei prossimi tre fine settimana insieme al lavoro che abbiamo svolto al simulatore speriamo ci permetterà di chiudere in una buona posizione e di dare continuità nella ricerca della mia fiducia nella macchina. Baku è stato un fine settimana produttivo con diversi momenti positivi. Non vedo l'ora di correre al Paul Ricard, è una pista molto più convenzionale e permissiva di Baku che comporta anche meno rischi. Quindi, rimaniamo concentrati, proviamo a far funzionare tutto e vediamo cosa possiamo fare!".

Sterzi a parte: La Ferrari cambia dieta, mangia poco e spesso!


Seidl, fare il massimo in ricordo di Ojjeh

Parola infine al team principal Andreas Seidl, che chiede ai suoi una buona qualifica per ottenere il massimo dei punti in gara in ricordo di Mansour Ojjeh, storico azionista McLaren scomparso il 6 giugno: "Dopo i circuiti cittadini di Monaco e Baku, la nostra attenzione ora si sposta al primo trittico della stagione con la prima gara in Francia. Come squadra sappiamo cosa richiedono tre GP consecutivi e siamo ben preparati al compito da svolgere. Dobbiamo mantenere un forte impulso operativo, l'affidabilità e la gestione dei pezzi di ricambio è una priorità per superare le sfide uniche che le gare di fila presentano. Dopo aver analizzato e compreso i dati di Baku, è chiaro che dobbiamo continuare a fare passi avanti come squadra ed estrarre il massimo dal nostro pacchetto in questa battaglia molto serrata con i nostri concorrenti. Il circuito del Paul Ricard è diverso rispetto a quelli precedenti e quindi è difficile capire quali saranno le gerarchie in vista del weekend. La nostra priorità è qualificarci bene per metterci nella migliore posizione per fare più punti possibili la domenica. Rimaniamo concentrati e determinati a lottare ancora una volta per dei buoni punti questo fine settimana nel quale correremo in onore di Mansour Ojjeh. Era e sarà sempre parte integrante della famiglia McLaren e una vera ispirazione per tutti noi".

GP Gran Bretagna e variante Delta: porte aperte, ma a quanti?