Lewis Hamilton nello scorso fine settimana aveva invocato degli aggiornamenti sulla sua Mercedes W12 per contrastare la Red Bull, novità che James Allison ha prontamente annunciato pochi giorni fa. Adesso, alla vigilia del GP Austria, il numero 44 ha ammesso che era a conoscenza degli upgrade in arrivo sulla vettura.
 

Mercedes sa cosa fare

 
Se basteranno o no non è dato saperlo, intanto Lewis ha detto di apprezzare lo sforzo del team: "Sì, sapevo che avevamo qualcosa di nuovo in arrivo. Tutti stanno lavorando davvero al massimo. Stiamo imparando sempre di più su questa macchina, comprendiamo più cose, sappiamo in che area dobbiamo spingere maggiormente e ho tutta la fiducia nella squadra per quello che riusciremo a fare nel tempo. Dopo delle gare difficili sto cercando di capire se c'è un modo per aiutare la squadra ad avere una preparazione migliore".
 
Quello cui Lewis si riferisce è il lavoro sull'assetto, che non ha pagato nel GP Stiria, ed è un campo in cui la Mercedes vuole fare di più: "Penso che ci siano state un paio di cose buone - ha proseguito Hammer -, ma non mi hanno cambiato la vita e continueremo a lavorarci".
 

Si può vincere ancora

 
Nonostante le difficoltà del momento ed i 18 punti da recuperare a Verstappen, Hamilton ha professato calma: "Stiamo dando tutti quanti il massimo. Vorremmo avere più ritmo per giocarcela non solo in qualifica ma anche in gara. Loro stanno continuando a progredire, ma non voglio farmi trascinare giù in una spirale negativa. Tutto quello che posso fare in questo momento è mettere tutta l'energia possibile per assicurarmi di essere al meglio ed aiutare gli ingegneri con degli incontri produttivi. Questo è uno di quei momenti in cui ci riuniamo e mettiamo insieme le forze. Questo è quello che facciamo, ecco perché siamo campioni del mondo e ho fiducia nella squadra che possiamo esserlo di nuovo".
 

Nessuna preoccupazione per le nuove Pirelli

 
A breve la Pirelli introdurrà (probabilmente a Silverstone) delle gomme leggermente diverse (costruzione più rigida al posteriore per evitare casi tipo Baku) che non sappiamo che impatto avranno sulle prestazioni delle varie squadre. Questi pneumatici verranno testati domani nelle libere, ma Hamilton ha minimizzato il cambiamento: "Spesso le gomme nuove che porta la Pirelli non hanno differenze significative, il più delle volte sono dovute a ragioni di affidabilità. Domani le valuteremo".