Voce spezzata e faccia triste. Charles Leclerc chiude col 4° posto nel GP d'Italia, quello di casa per la Ferrari e quello che lo ha visto diventare un dio greco, in cima al Monte Olimpo che in questo caso era l'Autodromo, nell'ormai lontano 2019.

Tutta un'altra storia quella di oggi. Eppure se deve dare un voto a questa strana gara tricolore, il monegasco non ha dubbi: "Una delle mie prestazioni in carriera". A prescindere dal risultato, il pilota Ferrari evidenzia quanto metta sempre il cuore e la tenacia ogni volta che si mette al volante della sua SF21, anche se a volte dalla tv non riesce a trasmetterlo ai tifosi. 

Hamilton su Max: "Mossa opportunistica, sapeva come sarebbe finita"

I tifosi Ferrari devono vedere dove eravamo e dove siamo oggi

Il duello con Bottas a suon di sorpassi fatti e poi restituiti dal finlandese, che alla fine ha avuto la meglio, e l'incidente tra Hamilton e Verstappen che lo ha un po' avvantaggiato per il risultato finale. Soddisfazione e rassegnazione vanno a bracccetto oggi: "Il cuore ce lo metto sempre, oggi si è visto perché avevamo la possibilità di superare Bottas di nuovo. È arrivato un quarto posto, va bene così, si tratta di una delle mie migliori performance in F1.Sono veramente contento della prestazione di oggi, anche se quando siamo vicini così al podio…La macchina era buona in ogni fase di gara, con il trenino DRS eravamo molto vulnerabili fino in curva 1 e questo ci ha complicato la vita. Ho dato il 200%: i tifosi non sono contenti di vederci quarti, ma se guardiamo dove siamo adesso e dove eravamo l’anno scorso, è un grande passo avanti. Non siamo ancora dove vogliamo essere ma dobbiamo ammettere che abbiamo fatto passi avanti da gigante".

Verstappen: "Hamilton mi ha spinto fuori: per fare la curva serve l'impegno di entrambi"