Una lotta a tutto campo va avanti anche così, con dichiarazioni che si rincorrono. E dopo che la Mercedes ha spiegato il motivo della scelta riguardo all'utilizzo del quarto endotermico sulla vettura di Hamilton, Christian Horner non ha perso occasione di dire la sua, parlando di esigenza piuttosto che di scelta tattica.

Problemi per tutti i Mercedes

Il team principal della Red Bull ha messo in campo la sua idea sulla decisione dei rivali: "Penso che sia stata probabilmente, da quello che abbiamo capito, più una scelta forzata che una scelta ragionata. Abbiamo notato infatti come abbiano avuto problemi anche le altre squadre motorizzate Mercedes".
Horner si riferisce probabilmente alla Williams, andata in penalità con Latifi in Russia, ed alle difficoltà che sta avendo la Aston Martin, la quale sta ragionando sull'utilizzo del quarto ICE (il motore a combustione interna) su entrambe le vetture, senza dimenticare che Bottas è già alla quinta componente dello stesso elemento. 

Differenze di approccio

Tra Red Bull e Mercedes la via intrapresa è stata diversa, con il team di Milton Keynes che in Russia ha preferito cambiare in blocco la power unit: "In Russia ci siamo presi una penalità ma ci siamo anche messi in una buona posizione. Abbiamo sostituito tutto, anche batteria, MGU-K e MGU-H . Lewis invece ha montato solo un nuovo ICE, il che gli varrà ovviamente una penalità minore, ma richiederà un grande sforzo alle altre componenti da qui alla fine dell'anno".

Horner spera che bastino 4 Pu

Poi Horner è tornato a guardare in casa sua, perché per la Red Bull il fine settimana di Istanbul non è cominciato bene, ed anche per loro comunque non sarà scontato concludere la stagione senza incorrere ulteriormente in penalizzazioni: "Comunque, quello che fanno non ci riguarda, ma dimostra quanto sia difficile concludere la stagione con appena tre motori. Nessuno di noi c'è riuscito, noi speriamo di potercela cavare utilizzandone solo quattro. Puoi fare tutte le simulazioni che vuoi, però può esserci sempre una variabile che ti porta ad una situazione diversa rispetto a quanto hai simulato. Da qui alla fine potrebbero esserci altri colpi di scena, vedremo".