GP Qatar, Horner ammonito dalla FIA dopo aver detto "canaglia" al Marshall

GP Qatar, Horner ammonito dalla FIA dopo aver detto "canaglia" al Marshall© Getty Images

Il team principal della Red Bull si è scusato dopo esser stato convocato dai commissari per aver insultato l'uomo che ha sventolato la bandiera gialla nelle qualifiche del sabato

Redazione

21 novembre

Le bandiere gialle, che guaio per Christian Horner. Poteva andare peggio ma se l'è cavata con un'ammenda il team principal della Red Bull, che ieri dopo le qualifiche aveva chiamato "canaglia" il Marshall che ha sventolato la doppia bandiera gialla innescata nel Q3 da Gasly, costretto a fermarsi sul rettilineo del traguardo a causa dei danni subiti dalla sua AlphaTauri nell'urtare un cordolo.

È stato proprio quello l'episodio che ha portato poi alla penalità inflitta a Verstappen, sceso di 5 posizioni in griglia di partenza per non aver alzato il piede dall'accelleratore. L'episodio è stato finda subito giudicato dalla FIA sospetto, che ha poi chiamato a rapporto Max prima del via del GP del Qatar e prima della partenza ha confermato le penalizzazioni per l'olandese e per Bottas.

Verstappen: "Bene aver fatto il giro veloce, sarà difficile fino alla fine"

"Pronti a favorire Hamilton e Mercedes"

La rabbia nel veder sfumare la seconda posizione del suo pilota ha portato Horner a sparare a zero su tutta la direzione di gara, colpevole secondo lui di voler favorire la Mercedes ed Hamilton nella lotta per il titolo iridato a sole 3 gare dalla fine del Mondiale di F1.

"Siamo molto arrabbiati e frustrati. Ovviamente la gara di Max è compromessa, l’obiettivo è quello di limitare i danni e sono sicuro che lui lo saprà fare. Non credo che la squadra poteva dare maggior supporto a Verstappen per evitare questa situazione spiacevole, l’unica indicazione da parte della direzione dara era di una pista in condizione sicura, su cui si poteva anche utilizzare il DRS. Questo è un gran regalo per Hamilton e la Mercedes“, aveva detto prima del via a Losail. 

Parole che però non sono passate in sordina. La FIA infatti a fine GP ha convocato il team principal e ha deciso di punirlo con un'ammenda, specificando l'imparzialità della direzione di gara.

Hamilton: "Macchina super: mi sento più in forma che mai"

Parteciperà tra gli stewards al prossimo corso di preparazione 

A sangue freddo sono poi arrivate le scuse di Horner: "Alcuni commenti erano stati fatti a caldo, subito dopo la penalizzazione di Max. Voglio chiarire che i Marshall fanno un lavoro meraviglioso e importante. E la mia frustrazione emersa prima della gara non era contro i commissari, ma per la circostanza. Quindi, se una persona si è offesa, ovviamente me ne scuso. Ma era frustrante ritrovarsi nella situazione che abbiamo vissuto. Una monoposto è passata e ha trovato una singola bandiera gialle e quella dopo si è vista esporre una doppia bandiera gialla. Dico, quindi, che non c’è coerenza. Possiamo imparare da questo episodio”.

Il numero uno di Milton Keynes inoltre per pagare definitivamente le sue colpe, ha accettato di partecipare all'Iternational Stewards Programme 2022 della FIA, ovvero il corso che preparare i commissari internazionali, che si terrà il prossimo febbraio

  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi