F1 2026: Audi occhi su McLaren, Porsche partnership con Red Bull

F1 2026: Audi occhi su McLaren, Porsche partnership con Red Bull

Le indiscrezioni intorno al tipo di impegno dei due marchi tedeschi in Formula 1 tornano d'attualità e puntano due soluzioni diverse: Audi interessata a investire in McLaren, Porsche stretto partner di Red Bull Powertrains

Fabiano Polimeni

13 gennaio

Non è il "se" a essere in discussione, quanto il "come", intorno all'impegno del Gruppo Volkswagen in Formula 1. Arriverà nel 2026 e con una presenza doppia: Audi e Porsche. 

Sulla materia si sono susseguite indiscrezioni e qualcosa in più, l'interesse confermato dai marchi su una F1 che dal 2026 introdurrà motori alimentati da benzine sintetiche, con una componente elettrica del sistema ibrido molto più rilevante. Temi che possono accostarsi al percorso verso l'elettrificazione che Audi e Porsche hanno delineato andranno a compiere con l'orizzonte del 2030. Vicende industriali che hanno una rilevanza strettamente europea, per le imposizioni normative che la Commissione vorrebbe attuare.

Semplici motoristi?

Sul piano sportivo, si è palato finora di Audi e Porsche motoristi nella futura era tecnica delle power unit 2026. Uno sviluppo tecnico congiunto per un impegno formalmente distinto in griglia. È noto quanto il ruolo del motorista sia "a rischio", tra successi mai pienamente riconosciuti e fallimenti che in un amen rischiano di essere rinfacciati dai team clienti.

Secondo quanto riporta il Frankfurter Allgemeine Zeitung, in Audi si spinge per andare oltre la "semplice" fornitura di power unit. Si parla di un impegno come costruttore e si guarda alla situazione che vive attualmente McLaren. Le voci di un'acquisizione del gruppo inglese - divisione Automotive e Racing - sono state smentite a novembre, poi qualche ammissione sfuggita dall'interno della casa tedesca, di un accordo mancato per questioni economiche. Un'offerta superiore potrebbe cambiare lo scenario? 

Acquisizione e title sponsor?

Quanto rilanciato dal Frankfurter Allgemeine Zeitung sembra supportare questa seconda soluzione. Certo, esistono tutta una serie di questioni legate all'impegno quale costruttore, rilevando eventualmente la McLaren. C'è la vicenda dei premi pagati secondo l'attuale struttura del Patto della Concordia, un'anzianità di permanenza della McLaren da tutelare, con il relativo riconoscimento dei premi, in un cambio di identità. Altra cosa potrebbe essere uno scenario di Audi partner motorista, investitore di peso in McLaren e title sponsor.

Se per Audi in Germania si indica la via di un'acquisizione di McLaren, cosa accadrebbe con Porsche? Il marchio di Zuffenhausen è accostato a Red Bull, che sta mettendo in piedi la propria divisione Powertrains. In questo caso si strutturerebbe una cooperazione stretta, tra Porsche e RBP, secondo le ricostruzioni.

Un annuncio sui piani Audi e Porsche in Formula 1, dal 2026, potrebbe arrivare già nel mese di febbraio.

  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi