Mentre in Mercedes si lavora per affinare il progetto W11, chiudere il gap registrato lo scorso anno sul terreno della power unit, Lewis Hamilton da Instagram “presenta” la sua nuova casa e fonte d’energia.

Si rifà alle pratiche zen, come quella di abbracciare alberi ed essere in sintonia con la natura, per trovare il giusto stato mentale in vista dell’ennesima stagione da favorito d’obbligo e una concentrazione e prestazione da garantire su 22 week end di gara.

L'Editoriale del Direttore: Sfidanti fissi nel Circus della F.1

“Sono in pace quando sto qui, posso concentrarmi e allenare mente e corpo in modo da poter tornare anno dopo anno.

Quest’anno sarò una macchina, su un altro livello più che mai! Diffondiamo amore e positività ovunque andiamo”, scrive Lewis su Instagram.

Post nel quale Lewis aggiunge: "Non avrei mai potuto sognare di possedere una casa come quella che ho adesso. Ringrazio Dio ogni giorno per avermi dato una famiglia che ha lavorato così duramente per offrirmi l'opportunità di diventare qualcuno.

Possedere una casa che amo così tanto, riuscire a creare così tanti splendidi ricordi mi dà più felicità di quanta non avrei mai pensato di meritare".

Al top dall'Australia

Un Hamilton che promette di alzare ancora un’asticella delle prestazioni e, soprattutto, un rendimento medio altissimo lo scorso anno. Per sua stessa ammissione, fatica a carburare nelle prime gare dell’anno, dove nel 2019 ha trovato un “Bottas 2.0” - come lo ha definito ad Abu Dhabi – inedito. Per ritrovare l’Hamilton re della qualifica, invece, servirà il supporto di una Mercedes in grado di tornare protagonista come nel 2018.

Mercato, scenario semplificato

Energie mentali e fisiche che si sommano agli stimoli che arrivano dalla sfida con avversari agguerriti, legati all’incognita degli “strumenti” che Ferrari e Red Bull saranno in grado di mettere in campo, se finalmente progetti in grado di lottare alla pari su 22 GP o insidie sporadiche, legate a circuiti e condizioni più o meno favorevoli.

C’è, poi, il tema mercato piloti. Il prolungamento di Leclerc e, soprattutto, la decisione di Max Verstappen di legarsi a Red Bull fino al termine del 2023, liberano Lewis di un’opzione che Mercedes avrebbe potuto giocare sul tavolo del rinnovo di contratto. La forza contrattuale di Hamilton è, semmai servisse, ulteriormente rafforzata dalla mossa Red Bull e la definizione del rinnovo con il team di Brackley è destinata a discutersi sulle condizioni più favorevoli a Lewis: energia mentale in meno da dedicare ad affari extra-sportivi.

GP Vietnam, pitlane e asfaltatura ultimati ad Hanoi