Per la prima volta in stagione entrambe le Ferrari sono riuscite a raggiungere il Q3, portando a casa per intero la terza fila. Vettel ha battuto Leclerc per appena 43 millesimi assicurandosi la quinta casella in griglia di partenza, ma per il Cavallino quello che conta è il distacco dalle Mercedes, abissale: un secondo e tre decimi.

Gp Ungheria, qualifiche: dominio Mercedes, pole numero 90 per Hamilton


Ferrari in recupero dietro alle Mercedes

Questo il pensiero di Vettel a fine qualifiche ai microfoni di Sky: "Penso che sia andata meglio rispetto ai week-end precedenti, per la prima volta abbiamo portato entrambe le macchine nel Q3. Sapevamo che l'Austria non sarebbe stata molto adatta a noi, perdevamo molto sui rettilinei, mentre qui ci sono molte più curve per recuperare e la macchina è sembrata anche molto più bilanciata. Siamo più vicini rispetto alle altre macchine nel gruppo dietro la Mercedes, come Racing Point, Red Bull e McLaren, e questo è positivo. Dobbiamo continuare a migliorare, la cosa importante comunque è preparare al meglio la corsa di domani, le macchine che ci stanno davanti avranno gomme diverse, vedremo cosa riusciremo a fare".

Allarme Coronavirus: due positivi nel paddock

Obbiettivo cogliere le opportunità

Quali speranze per domani? "Sperare si può sempre sperare - sorride il tedesco -, la vera domanda è se queste speranze siano realistiche. Io sono qui per gareggiare, come tutti, e per vincere, ma al momento non abbiamo il passo per dominare o per vincere con i nostri soli mezzi. Vedremo cosa accadrà domani, come ho detto prima avremo gomme diverse al via perché abbiamo dovuto usare le morbide nel Q2 (Mercedes e Racing Point invece scatteranno con le medie, ndr), penso che sarà una gara interessante domani, anche il meteo potrebbe avere un ruolo, dovremo cercare di essere svegli e fare del nostro meglio".

Binotto e la perdita di potenza dei motori Ferrari