Nominato tra le 100 persone più influenti al mondo, nello speciale elenco stilato dal Time, Lewis Hamilton nel 2020 come mai prima si è esposto e impegnato socialmente.

Formula 1, Domenicali futuro nuovo a.d. al posto di Carey

Black Lives Matter e non solo. La Commissione Hamilton, ad esempio. Dagli annunci dei mesi scorsi si è passati alla nomina di 14 componenti che avranno il compito di esaminare gli ostacoli all’accesso nel mondo del motorsport delle persone di colore.

Whitmarsh tra i membri del collegio

Non solo opportunità per i piloti, ma un quadro più ampio che guarda alle figure tecniche. Insieme alla Royal Academy of Engineering, l’obiettivo è di “individuare le barriere chiave alla selezione e avanzamento delle persone nere nel motorsport nel Regno Unito, fornendo suggerimenti attuabili per il loro superamento”.

L'editoriale del direttore: Ferrari, l'attesa del segnale buono

Dal mondo della Formula 1 non sarà solo Lewis a far parte della Commissione, insieme al direttore generale della Royal Academy of Engineering, Sillem. Vi sarà anche Martin Whitmarsh, quasi 25 anni spesi in McLaren, cinque dei quali accanto a Hamilton, prima di lasciare il team e la Formula 1 nel 2014.

Oltre i piloti

“Ciò che preoccupa maggiormente è la presenza ancora di pochissime persone di colore nello sport nel suo insieme. In Formula 1 le squadre sono entità molto più grandi degli atleti che sono in primo piano, però la rappresentazione è insufficiente su ogni tipo di competenze, dal garage agli ingegneri in fabbrica e nei dipartimenti progettazione. Il cambiamento non sta arrivando abbastanza rapidamente e dobbiamo capire perché”, le parole di Hamilton.

“Per questo volevo istituire la commissione e sono orgoglioso di lavorare con la Royal Academy of Engineering e l’incredibile collegio per individuare le barriere che si trovano dinanzi i giovani di colore nell’affrontare carriere STEM (nei campi delle Scienze, Tecnologie, Ingegneria, Matematica; ndr) nel motorsport”.

GP Russia, Wolff ritrova Netflix: 'Speriamo vada meglio di Hockenheim'