Incredibile vittoria di Ricciardo e podio anche per Bottas e Stroll in una gara in cui è successo di tutto, in particolare a chi sembrava avviato a dominarla come Hamilton e Vettel. Dopo la terza safety car per i detriti in pista e quindi una bandiera rossa, Lewis riparte con la protezione ad altezza casco fissata male e deve passare dai box a sistemarla, mentre Vettel viene penalizzato per un "fallo di reazione" su Hamilton stesso in regime di safety car.

Inoltre i due della Force India si sono praticamente eliminati a vicenda; altri ritiri sono stati decisivi, come quelli di Raikkonen (urtatosi alla seconda curva di gara con Bottas, che era poi passato ultimo) e di Massa. Così Ricciardo ha finalizzato al 100% la sua rimonta dopo un pitstop anticipato per foratura, mentre Bottas ha sopravanzato solo sul traguardo (1 decimo) Stroll autore di una gara molto efficace e veloce. Con Vettel e Hamilton in scia, risultato che permette a Seb di aumentare un poco il vantaggio in classifica generale (a 14 punti).

Ocon riesce ad arrivare comunque 6°, davanti a Magnussen che ad un certo punto aveva accarezzato la possibilità di finire a podio. 8° è Sainz dopo un malaugurato testacoda iniziale, seguito da Alonso. L'ultimo punto disponibile è stato infine conquistato da Wehrlein, anche lui autore di una buona gara in cui ha regolato Ericsson, Vandoorne e Grosjean.
Appuntamento ora con la prossima gara in Austria tra 15 giorni.

Introduzione

Partenza alle ore 15 italiane (le 17 locali) per il GP d'Azerbaijan, ottava prova del Mondiale F1 2017. Saranno 51 giri di gara che seguiremo dall'inizio alla fine con la nostra cronaca diretta, tramite il nostro canale Twitter specifico @autosprintLIVE.

In questa occasione alla partenza vi sarà una prima fila Mercedes e una seconda Ferrari. Non ci si aspettano grandi stravolgimenti al via (incidenti a parte) perché, nonostante un rettilineo di 2,2 km, sono però solo poco più di 200 i metri tra la linea di partenza e la prima curva. Sono comunque possibili i sorpassi, su questo impegnativo tracciato di 6.003 metri, specie nelle zone di DRS: il rettilineo del via e quello tra le curve 2 e 3.

La Pirelli ha messo a disposizione le tre mescole intermedie: supersoft, soft e medium. Ma ci si aspetta che la bassa abrasione dell'asfalto faccia utilizzare solo le due più morbide (circa 1 secondo al giro il divario) e con una sola sosta in gara, al netto di (probabili) safety car.

La cronaca "live" con Twitter

Alcuni link utili per la gara a Baku:

- storia e statistiche della gara
- le scelte effettuate dalla Pirelli
- le caratteristiche del tracciato
- gli orari TV di tutte le fasi