Terza pista su cui testare il feeling con la SF21 e terza gara in vista con la Ferrari. E' un Carlos Sainz soddisfatto finalmente quello che commenta il suo 4° tempo al pomeriggio nelle FP2 del GP di Portogallo. Dopo una mattinata in ombra, col 9° crono nelle FP1, lo spagnolo è riuscito finalemente a brillare, occupando la posizione appartenuta durante le prime libere a Leclerc. 

Mekies: "A Portimao come Imola: Ferrari sarà dietro Mercedes e Red Bull"

Lavorare sul giro veloce

Prima le soft e poi le medie, seppur quest'ultime provate per un breve stint, Carlos ha voluto lavorare molto sulla scelta delle mescole. Le ha montate entrambe sulla sua monoposto proprio per correggere quello che pensa sia il proprio tallone da Achille: capire il comportamento degli pneumatici in relazione al giro veloce.

"È stata una giornata positiva per me: continuiamo ad apprendere, continuiamo a sperimentare in condizioni diverse e nonostante la pista abbia il grip più basso della stagione probabilmente.

È la terza diversa pista. In Bahrain c'erano delle condizioni, a Imola altre e qui ancora di nuove. Oggi invece il tracciato è molto scivoloso, ed è un’ulteriore esperienza guidare in queste condizioni per capire come va la Ferrari con tanto vento e con poco grip. È un’altra bella giornata da questo punto di vista.

Le gomme? Di solito le soft sono molto più veloci dell’altra mescola. Devo però ancora capire il comportamento della macchina, anche in concordanza con la gomma per capire come fare il giro veloce e come portarle a temperatura nel modo giusto. Il che è fondamentale. Questi sono i punti su cui concentrarci per domani nelle qualifiche".

Leclerc: "Con chi lotteremo? Dipenderà da chi farà meno errori "