GP di Monaco: le ultime notizie

Dopo lo stop del 2020 causa Covid, il Gran Premio di Monaco torna a far parte del calendario del Campionato del Mondo di Formula 1 per il quinto appuntamento della stagione 2021. E’ il tracciato cittadino più famoso e affascinante del globo, appuntamento praticamente fisso (non disputato solo nel 1951, 1953, 1954 e appunto 2020) del Circus amato per le sue contraddizioni e un po’ odiato per lo spettacolo scarso che - il più delle volte - manca in pista vista la conformazione dell’impianto urbano. Infatti, il tracciato è il più corto del Mondiale, lungo appena 3,337 km da percorrere per 78 tornate per un totale di 260,286 km. I punti più iconici di tutta la pista sono il celebre tornantino della “Vecchia Stazione”, la curva più lenta del calendario fatta di prima a circa 50 km/h, la curva veloce sotto al tunnel da 280 km/h e la staccata alla chicane delle piscine, l’unico punto di sorpasso pulito che offre lo stradale monegasco, salvo errori e invenzioni estemporanee dei piloti. La pista chiede molto ai piloti, chiamati a fare uno sforzo tecnico enorme per tenere a bada i 1000 cv delle PU tra marciapiedi e tombini del toboga, ma chiede molto anche alle vetture soprattutto al cambio, azionato più di 4000 volte durante tutto il GP. Sicuramente non ci saranno polemiche per i track limits: chi va oltre la pista, va sbattere: ci pensa la pista a farli rispettare. I motori si accendono giovedì 20 alle 11:30 per il primo turno di prove libere, poi le monoposto tornano in pista alle 15:00 per le FP2. Sabato 22, alle 12:00, scatta la FP3, poi la caccia alla pole è fissata per le 15:00. Domenica 23, start del GP alle 15:00.

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi