Lewis Hamilton è stato il primo dal mondo della F1 a farsi sentire sull'uccisione di George Floyd, criticando aspramente il suo ambiente per il silenzio sulla questione. Il suo appello è stato seguito ed ascoltato dai colleghi e dalle squadre, che a turno hanno espresso la loro vicinanza al popolo afro-americano. Per l'inglese però non è abbastanza, come afferma nuovamente sui social.

F1, in caso di positività il campionato andrà avanti

"Le ingiustizie devono finire"

Il sei volte campione del mondo ha affidato ad un post su Instagram e Twitter la sua riflessione: "La scorsa settimana è stata molto buia. Non sono riuscito a trattenere le mie emozioni. Ho sentito così tanta rabbia, tristezza e incredulità per ciò che i miei occhi hanno visto. Sono stato completamente sopraffatto dalla rabbia alla vista di un così palese disprezzo per la vita della nostra gente. Le ingiustizie che vediamo e che i nostri fratelli e sorelle devono affrontare in tutto il mondo sono disgustose e DEVONO finire.


Tante persone sembrano sorprese, ma purtroppo noi non lo siamo. Quelli come noi che sono neri, marroni o mulatti, lo vivono ogni giorno e non dovrebbero sentirsi colpevoli dalla nascita, e non devono temere per la nostra vita per il colore della nostra pelle. Will Smith (il noto attore americano, ndr) l'ha detto al meglio, il razzismo non sta peggiorando, è solo stato filmato. Solo adesso che il mondo è così ben equipaggiato con le telecamere questo problema è emerso in modo così grande".

"Non restate in silenzio"

Il messaggio di Hamilton prosegue così: "E' solo quando ci sono rivolte e grida per la giustizia che il potere cede e fa qualcosa, ma è già troppo tardi e non è stato fatto abbastanza. Sono servite centinaia di migliaia di denunce da parte delle persone ed edifici bruciati prima che le autorità reagissero e decidessero di arrestare Derek Chauvin (il poliziotto che ha ucciso Floyd, ndr) per omicidio, e questo è triste. 

Sfortunatamente, l'America non è l'unico luogo dove il razzismo vive e noi continuiamo a fallire come esseri umani quando non possiamo schierarci per ciò che è giusto. Per favore non restate in silenzio, non importa il colore della vostra pelle. Le vite dei neri contano".

Sterzi a parte: rivalutiamo il reale, please

La polemica con Trump

Nelle sue "storie" su Instagram invece il pilota della Mercedes ha pubblicato un'immagine molto polemica nei confronti dell'attuale presidente degli Usa Donald Trump. La raffigurazione è un confronto tra una foto scattata a Barack Obama, in prima linea in un corteo a favore delle persone di colore molto numeroso, ed un'altra che ritrae Trump da solo circondato solo da poliziotti armati. Nessun commento da parte dell'inglese a questa immagine, solo una "emoji" con due occhi sgranati di sbalordimento.

L'Italia sogna un doppio Gp