Secondo GP dell’anno, seconda vittoria e prima doppietta della stagione. Il back-to-back in terra austriaca ha sorriso alla Mercedes che hanno ribadito la superiorità del pacchetto uomo-macchina rispetto alla concorrenza.

Hamilton, magistrale in qualifica, ha condotto una gara in solitaria, dominando dal primo all’ultimo giro, mentre Bottas ha completato l’opera nelle fasi finali, superando in pista Verstappen e mettendo così la firma sull’uno-due delle Frecce (ex) d’Argento.

Prova di forza

"Siamo contenti del risultato, vogliamo continuare lo sviluppo e il lavoro sulla macchina. Abbiamo fatto le prime due gare, ma a Budapest troveremo un circuito completamente diverso, perciò rimaniamo con i piedi per terra”, ha dichiarato il team principal della Mercedes Toto Wolff ai microfoni di Sky Sport.

Anche se Wolff resta cauto dopo l’avvio fulminante della stagione, il gap delle W11 rispetto alla concorrenza è evidente e non si può negare nemmeno con tutta l’abilità retorica dimostrata dal team principal della Stella: "Non ho mai visto in F1 un gap così in qualifica, di 1,2 secondi, oggi ha fatto un lavoro fantastico. Abbiamo trovato la correzione dei problemi sul cambio. Sono felice del lavoro della squadra".

Ferrari dove sei

A proposito di avversari. Lassù, nelle posizioni di vertice, manca la Ferrari, assenza che si fa sentire perché le vittorie si pesano anche con il valore del competitor. Red Bull ha risposto presente, le Rosse, al contrario, continuano a brancolare nel buio. E con l’incidente tra Leclerc e Vettel, il team di Maranello ha concluso uno dei GP più brutti della sua storia.

Esito che ha stupito lo stesso Wolff: ”Non mi aspettavo una Ferrari così, forse un po' diversa nel motore ma non così - ha detto Toto - Oggi non abbiamo visto la loro performance a causa di questo incidente, vedremo a Budapest, è un circuito diverso. Noi vogliamo batterci con Red Bull e Ferrari, con questi grandi marchi. Non mi piace vedere una Ferrari non competitiva, abbiamo bisogno di una Ferrari che vinca le gare e sia competitiva”.